9.000

metri quadrati: la superficie del complesso

17,5

milioni di euro: il finanziamento offerto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

257.000

i volumi conservati nella Biblioteca della Facoltà di Giurisprudenza

DESCRIZIONE DELL’OPERA

 
Il progetto ha riguardato il restauro e riuso dei corpi di fabbrica del comparto San Paolo, che è suddiviso, sia per caratteristiche architettoniche che per destinazioni di uso, in due sub-comparti: quello ovest comprendente corpi e spazi scoperti che si articolano fra via Selmi e il cortile del Leccio; quello est i corpi di fabbrica che circondano il chiostro del Leccio.
 
Il sub-comparto ovest è stato destinato ad attrezzature scolastiche e altri servizi previsti dal Comune di Modena: asilo nido, scuola di infanzia, un bar, sale di studio e ritrovo per studenti, sedi di enti di assistenza e beneficenza, servizi sociali. Il sub-comparto est è stato destinato alla sede della Biblioteca della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia: quest’ultimo si sviluppa intorno a quattro corpi di fabbrica che circondano il chiostro del Leccio e a un ampio spazio scoperto. Grazie a questa collocazione viene assicurato un immediato rapporto e collegamento della Biblioteca con la nuova sede della Facoltà di Giurisprudenza, oggi presso il Convento di San Geminiano.

Tra chiostri, cortili e giardini

L’impianto architettonico si caratterizza per i quattro bracci che disegnano il perimetro del grande chiostro principale, noto come “Cortile del Leccio” per la presenza di un maestoso esemplare di questo albero. All’interno dell’isolato si aprono altri quattro cortili minori, il più ampio e significativo dei quali è il cortile detto “del banano” (per la presenza di questa pianta) posto nel settore nord-ovest, cortile sul quale si affaccia a nord la “chiesa interna” e, a sud, un breve portico.

San-Paolo-Modena-02
San-Paolo-Modena-03

Conservare il passato perché duri nel tempo

Grazie al restauro si sono conservati alcuni elementi di pregio storico-architettonico: vani scala, intonaci, volte in canniccio, pavimentazioni e parapetti, strutture voltate, orditure e manti di copertura. Nell’intervento sono state rispettate le altezze dei solai, che in parte sono stati consolidati e in parte (se in latero-cemento), sostituiti con solai in legno.

Valore dell’opera
13.534.259,71 euro

Committente
Comune di Modena

Ruolo nell’iniziativa
Impresa Capogruppo

Tempi di realizzazione
Gennaio 2010 – Dicembre 2014

">

guarda anche

Condividi questa pagina